Lavanda nel delta del Po

La lavanda nel delta del Po

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Europa, Italia, Natura, Tempo libero, Viaggi

La lavanda nell'isola donzella a cà mello

Proprio dietro l’oasi naturalista di Cà Mello, nel cuore dell’isola Donzella a ridosso della Sacca di Scardovari, trovi questo campo di lavanda, nota di colore nuova in quest’ampia area agricola nel cuore del delta del Po (https://goo.gl/maps/vLoc3W9dY1tqNtTG8).

Miele ai fiori di lavanda

La famiglia Masiero (Claudio e Micaela, con il figlio Enrico) hanno deciso di provare qualcosa di diverso dal solito mais o frumento, per vedere l’effetto che fa.

L’olio essenziale di lavanda ha vari usi e stanno ancora cercando di capire se e quale sbocco economico questa scommessa potrà avere.

Di sicuro produrrà del miele ai fiori di lavanda, grazie alle api che un loro amico apicoltore ha prontamente portato a ridosso del campo di lavanda.

Intanto questo piccola distesa di appena due ettari e mezzo è diventato un fenomeno mediatico che attrae un inaspettato numero di turisti e curiosi anche da lontano.

La lunga fila di auto e camper parcheggiati testimonia un successo tanto inaspettato quanto non proprio gradito.

Figlio che si diverte, madre molto di meno

Enrico, il figlio, pare divertirsi a fronte di questa improvvisa ed inaspettata notorietà: interviste, foto, video su Youtube, persone che chiedono, si informano, incoraggiano.

La madre, più pragmaticamente, esprime il fastidio per la torva di persone che arrivano, si sentono come fossero a casa propria, talvolta disturbando e facendo danni.

E lei ha dovuto, con pazienza, recintare il terreno, mettere cartelli per ricordare le regole da rispettare, a cominciare dall’uso della mascherina. Non tutti rispettano le regole.

Va detto che più di qualche stupido anche in questo caso non manca. I maleducati sono purtroppo dovunque. La sera di venerdì 19 giugno, una disperata Micaela, ripeteva: “Basta, chiudo tutto, non ne posso più, io coltivo la lavanda e non sono qui per accogliere turisti che non ho chiamato ne vorrei ci fossero”.

Non credo che questo giusto sentimento venga attutito dai quattro soldi che i turisti di buon senso e grati per questa insolita attrazione, buttano nel barattolo dove è scritto “Offerta”.

Foto al tramonto e all’alba

Le foto sono state fatte la sera di venerdì 19 giugno, nei brevi intervalli durante i ripetuti temporali del tardo pomeriggio, e la mattina di sabato 20 giugno a partire da 5:00 del mattino.

Purtroppo l’unico nuvolone in un cielo terso ha impedito di fotografare il sorgere del sole sul campo di lavanda alle 5:32. È quanto capita spesso ai fotografi: puoi programmare tutto ma non il tempo atmosferico.

La Montagna Incantata Tomas Mann

Scalata la Montagna Incantata durante il coronavirus

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Libri, Tempo libero

Sentirsi come Hans Castorp ne La Montagna Incantata

Ho finito di scalare la Montagna Incantata di Tomas Mann. C’è voluto il coronavirus per farmi finire di leggere fino in fondo questo libro enorme, considerato tra le 5 opere più importanti della letteratura del primo ‘900. Le altre sono Il Processo di Kafka, L’uomo senza qualità di Musil, Le  Recherche di Proust e l’Ulisse di Joyce. (di passaggio mi manca solo Proust per completare la cinquina).

Ne è valsa la pena. Mi sto sentendo come Hans Castorp, l’anonimo ingegnere protagonista del romanzo, che, entrato nel sanatorio Berghof di Davos solo per una visita al cugino malato di tubercolosi, vi rimane 7 anni.

Il romanzo è uno straordinario affresco di un mondo che si stava dissolvendo e che sarebbe collassato da lì a poco nelle trincee impantanate della prima guerra mondiale dove lo stesso Castorp va a finire.

Chiuso in casa oramai da 7 settimane, vivo il tempo come nel romanzo: in modo indefinito, senza alcuna certezza di quando sarà il “dopo” e, ancor di più, di “come sarà” il dopo. L’unica certezza è che il nostro mondo di prima non ci sarà più.

 

Progetti per la “nuova normalità” dopo il coronavirus

Intanto, come tutti, ho dovuto cambiare il modo di lavorare e di vivere.

Da dimenticare per ora (e per chissà quanto) gli incontri con i colleghi e i clienti nelle capitali della Mittel Europa (Vienna, Praga, Budapest, Bratislava). Video conferenze con colleghi, clienti, partner. Lavoro su progetti per la “nuova normalità”, provando ad immaginare quale potrebbe essere e come provare a creare valore nel mondo che sarà. Aggiornamento e studio continui su ciò che è già diventato ancor più importante di prima: Intelligenza Artificiale, big data, soluzioni per la gestione delle relazioni tra aziende e persone sulla crescente messe di canali digitali che dovremo usare nella lunga fase di distanziamento.

Tempo libero cambiato drammaticamente

Della vita oltre il lavoro è cambiato, drammaticamente, il tempo libero, se si può chiamare il “libero” il tempo speso in quarantena chiusi casa senza gli abbracci di figli e nipotini.

Del poker dei miei hobby (viaggi, cucina, lettura, fotografia) i viaggi sono per ora scomparsi e con la loro scomparsa anche la fotografia viene giocoforza immiserita drammaticamente.

Certo, si mangia sempre a casa (vorrei ben vedere!), si cucina tanto e cose varie. Ma in 3 non ti viene certo voglia di preparare piatti complessi e neppure studiare impiattamenti sofisticati, belli abbastanza da essere fotografati con una qualche ambizione.

Lettura: l'hobby a-fotografico

Ti resta la lettura, un hobby del tutto a-fotografico. La lettura di arricchisce di straordinarie immagini mentali, ti apre nuovi mondi, ti fa viaggiare con la fantasia, crea le condizioni per pensare a come costruire la ”nuova normalità” dopo il coronavirus. Tante cose. Tante ma non immagini per la fotocamera.

 A allora ti inventi di fotografare i libri che stai leggendo, con una bulimia che non conoscevi da tempo, con una velocità di lettura che ti stupisce frutto, forse, di questo allenamento alla lettura fatto di documenti di lavoro in plain English durante il giorno e di testi di narrativa, saggistica, gialli, alla sera e nel fine settimana.

Lavori sulla profondità di campo selettiva, sulle luci, aumenti contrasto e nitidezza, per cercare di dare senso fotografico a libri che, in realtà, stanno arricchendo ulteriormente l’immagine che tu hai del mondo più che le immagini che la fotocamera registra delle copertine di quei libri.

 

Cottura risotto con zucchine

Risotto di zucchine e Coronavirus

Pubblicato il 1 commentoPubblicato in Cibo, Cucina, Europa, Italia, Tempo libero

Risotto di zucchine e senso del tempo durante Covid-19.

In quarantena da quasi 5 settimane per Covid-19 il tuo mondo in parte si contrae e in parte di espande.

Si contrae perché si riducono le opportunità e quindi le esperienze cui eri abituato. Quella che ti manca di più è l’esperienza dell’abbraccio ai tuoi 7 nipotini ma è in generale che le tue esperienze si riducono drammaticamente chiuso come sei in casa.

Dall’altra si espande perché cambia la tua percezione del tempo.

Il tempo si dilata, o almeno ti da la sensazione di dilatarsi, perché riempito di meno esperienze e quindi sembra non passare mai.

Non c’è modo di pensare al tempo in quanto tale. Lo puoi solo fare in relazione alla densità delle tue esperienze che lo segnano, lo misurano, ti fanno sentire la sua velocità o il suo rallentare.

È quella sensazione del tempo descritta varie volte nella grande letteratura, tra gli altri da Thomas Mann ne “La Montagna Incantata” quando descrive l’esperienza del banale ingegnere Hans Castorp dentro al sanatorio Berghof di Davos. Entrato per una visita al cugino e starci appena 3 settimane, ci passò 7 anni.

La sensazione del tempo che ci da questa quarantena da sani, in perfetta salute, è la stessa che trasmette lo sterminato romanzo di Mann.

Varietà di cibo cucinato e mangiato

Tutta questa premessa per un semplice risotto di zucchine? Sì, perché è proprio attraverso i gesti di una esperienza quotidiana che abbiamo forzatamente cambiato che riusciamo a dare un senso a queste giornate così apparentemente rilassate ma una realtà di profonda inquietudine per un futuro di cui sappiamo solo che non sarà come il passato prima del Covid-19.

Quindi evviva il risotto di zucchine, come evviva la torta di noci, le tagliatelle con il ragù d’anatra, la parmigiana di melanzane, il pane di semola di grano duro con il lievito madre, la pasta alla carbonara, l’amatriciana, il tiramisù, etc, etc.

Sono tutte attività che contribuiscono all’autostima e rafforzano quella qualità oggi così necessaria che è la resilienza.

La varietà del cibo preparato e mangiato funziona come surrogato delle esperienze di lavoro e di vita che oggi non possiamo avere e contribuisce a dare densità e senso al tempo che passiamo in quarantena.

 

Se poi ti capita anche di avere la passione della fotografia, ti crei un piccolo set in cucina e racconti, con le foto, la storia della preparazione del piatto.

Ingredienti e fasi di cottura

Ingredienti: riso Carnaroli, olio extra vergine di oliva, aglio, zucchine, burro, Parmigiano reggiano, brodo di verdure.

Fasi: cottura in padella delle zucchine con olio e aglio, biscottatura del riso con l’olio, cottura del riso, mantecatura con burro e Parmigiano.

Pipe Organ in Royal Opera House in Muscat, Oman

Royal Opera House in Muscat, Oman

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Città, Tempo libero, Viaggi

RoHM: un regalo del sultano al qaboos

Nei suoi quasi 50 anni di governo, il Sultano Al Qaboos ha trasformato l’Oman da paese arretrato, in larga parte analfabeta, gestito in modo reazionario dal padre da lui deposto con un colpo di Stato incruento, in qualcosa che ha agganciato la modernità e lo sviluppo.

Al Qaboos è mancato nei primi giorni del 2020 ma credo resterà nella memoria e nel cuore dei suoi sudditi per la grande trasformazione che ha guidato.

La Royal Opera House Muscat (in arabo دار الأوبرا السلطانية مسقط) di Mascate (Muscat in inglese) è uno dei suoi lasciti più importanti assieme alla Grande Moschea Al Qaboos. Spesso viene chiamato con semplicemente con l’acronimo ROHM, dalle iniziali del suo nome completo.

È un teatro multiuso situato con una capacità di oltre 1.000 posti costruito tra il 2007 e il 2011 nel quartiere Shati Al-Qurm.

Il complesso è costituito da un teatro per concerti, un auditorium, dei giardini paesaggistici, un mercato culturale con negozi al dettaglio, ristoranti di lusso e un centro d’arte per produzioni musicali, teatrali e operistiche.

Un opulente e sofisticato gioiello

L’opulenza si respira in ogni aspetto: la profusione di marmi pregiati sia all’esterno e all’interno dell’edificio è solo una delle componenti di un così sofisticato gioiello.

Una acustica straordinaria. Un organo a canne movibile che è il secondo più grande al mondo.

Una sofistica soluzione ingegneristica che fa scomparire alcune delle logge e delle prime file di sedie quando serve più spazio per l’orchestra.

Esempio di apertura alle culture del mondo da parte di un paese arabo

Ma a colpire di più, specie il turista occidentale inevitabilmente lambito dai riflessi dei pregiudizi contro la supposta, indistinta, cultura araba e musulmana, è la logica che ha portato Al Qaboos a creare questo centro di cultura.

Come ti spiegano i giovani Omaniti che accompagnano i visitatori del teatro, peraltro con un inglese perfetto anche nella ricchezza delle sfumature del linguaggio, lo scopo è stato quello di consentire agli Omaniti di usufruire di tutte le diverse forme di espressione musicale che possono essere rappresentate provenienti da qualsiasi parte del mondo.

Musica come modo di aprirsi al mondo nelle sue diverse forme. Certo hanno giocato la passione di Al Qaboos per la musica e la sua formazione londinese. Va rimarcato che l’insegnamento che ne ha tratto è che la diversità, a partire dalla musica, è una ricchezza che va condivisa con il suo popolo.

In altri paesi arabi e musulmani le cose sono ben diverse. Constatare questa diversità aiutare a superare tanti pregiudizi nei confronti di culture che è sciocco considerare come un tutt’uno perdendone di vista le differenze.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_masonry_media_grid grid_id=”vc_gid:1579342054112-581df7f5-562e-4″ include=”3843,3849,3844,3842,3846,3841,3850,3832,3831,3830,3829,3828,3845,3833,3848,3847″][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_gmaps link=”#E-8_JTNDaWZyYW1lJTIwc3JjJTNEJTIyaHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZ29vZ2xlLmNvbSUyRm1hcHMlMkZlbWJlZCUzRnBiJTNEJTIxMW0xOCUyMTFtMTIlMjExbTMlMjExZDM2NTUuNzMxNjAwNzAxOTc4JTIxMmQ1OC40NjYzMjM3MTU2NzM0NTQlMjEzZDIzLjYxMzk1Njg5OTg5MDIxMiUyMTJtMyUyMTFmMCUyMTJmMCUyMTNmMCUyMTNtMiUyMTFpMTAyNCUyMTJpNzY4JTIxNGYxMy4xJTIxM20zJTIxMW0yJTIxMXMweDNlOTFmOGI2OWQ4YjE0NzUlMjUzQTB4Mzg2ODg4YzQ3YTVkMDA5OSUyMTJzUm95YWwlMjUyME9wZXJhJTI1MjBIb3VzZSUyNTIwZGklMjUyME11c2NhdCUyMTVlMCUyMTNtMiUyMTFzaXQlMjEyc2l0JTIxNHYxNTc5MzQyMDk0NTg3JTIxNW0yJTIxMXNpdCUyMTJzaXQlMjIlMjB3aWR0aCUzRCUyMjQwMCUyMiUyMGhlaWdodCUzRCUyMjMwMCUyMiUyMGZyYW1lYm9yZGVyJTNEJTIyMCUyMiUyMHN0eWxlJTNEJTIyYm9yZGVyJTNBMCUzQiUyMiUyMGFsbG93ZnVsbHNjcmVlbiUzRCUyMiUyMiUzRSUzQyUyRmlmcmFtZSUzRQ==”][/vc_column][/vc_row]